Le partite dell’Italia a Francoforte

0
francoforte notte

Tra i vari termini di ricerca che gli utenti cercano e poi vengono indirizzati sul mio blog, ho trovato “dove posso guardare le partite dell’Italia a Francoforte“.

Siccome era anche un mio problema, a te e a tutti quelli che cercano vi do qualche indirizzo.

Come vi sarete sicuramente accorti, sono iniziati gli europei di calcio.

E’ la prima volta che guardo una competizione di questo tipo all’estero e devo dire che è un’esperienza strana e, a tratti, sfigata perché le partite spesso finisci per guardarle in posti di fortuna.

Innanzitutto non credevo ma… i tedeschi sono esaltatissimi.

Alla prima partita ero incredula guardando per strada orde di persone vestite con i colori della bandiera, bandiere addosso, automobili con le bandiere, collanine di fiori coi i colori tedeschi, maglie della Germania, bandiera dipinta sulle gote e chi più ne ha più ne metta. Io è una cosa che non ho visto mai fare neanche in Italia.

Comunque, dopo la prima vittoria con il Portogallo, sono scesi in strada a fare caroselli paragonabili solo a quelli che ho visto in Italia dopo aver battuto la Germania nel 2006. Il grado di esaltazione, già alle stelle da sobri, raggiungeva picchi mai visti prima con 6 litri pro-capite di birra in corpo, e i nostri cari tedeschi, tra rutti, abbigliamento strambo con colori di bandiera, urla ed esaltazione fuori luogo, hanno perso ogni dignità ai miei occhi. Ma più che altro, dopo un mese che sono qui, finalmente mi hanno fatta accorgere della loro presenza. Dove siano stati in questo mese non lo so, fatto sta che io per strada vedo solo turchi, nordafricani, possibili-italiani e mediterranei. Piccole macchie bionde sono veramente rare, con mio ENORME dispiacere. Invece a supportare la loro squadra ecco che vengono fuori come i funghi, tutti alti biondi e belli. Ma durante la settimana dove sono? Cosa fanno? Dove vanno? Dove è possibile incontrarli? Mistero.

Ad ogni modo, io non sono voluta essere da meno. Ho comprato la bandiera italiana gigante il sabato prima della nostra partita, per 5€ da un afghano.

La cosa bella è che qui, ben o male, sono rappresentate tutte le nazionalità presenti all’europeo, quindi ogni giorno è possibile vedere una nutrita schiera di persone auto-addobbatesi a festa e incollate ai tv che qui non sono presenti in numero normale, ma ogni locale ne ha almeno 5 per ogni angolazione e sono tutti posti uno accanto all’altro. Insomma, è il tipico evento che anche se non vuoi vedere, te lo fanno vedere per forza.

 

Dove guardare le partite dell’Italia a Francoforte?

 

Ai bar della famosa Zeil, la strada dei negozi, dove c’è una convenzione speciale di “3 birre al prezzo di 2”.

A Eschenheimer Tor. Lì è pieno pieno di bar, pub e chi più ne ha più ne metta, tutti dotatissimi di televisore sintonizzato sulle partite e pieni di gente. Uno molto gettonato che va per la maggiore è il Waxy’s pub (Taubenstrasse 11), ha una bella esposizione, bei televisori, due postazioni fuori, una dentro, e altre due al piano di sopra (una piccola, l’altra più grande, ma entrambe piuttosto al buio).

Accanto al Waxy’s, ci sono comunque altri pub con possibilità fuori e dentro.

Non so se per le semifinali sono già previsti i maxischermi, nel caso, probabilmente li posizionerebbero a Konstablerwache o ad Hauptwache.

Sulla Bergerstrasse, dove pure pullula di locali (tutti con televisori), o al Long Island Summer Lounge (dalle parti della Borsenstrasse) che è un grosso locale all’aperto con due piscinette e lo schermo tipo cinema.

Nei ristoranti italiani. Spesso sono attrezzati con grossi televisori e tanti connazionali.

 

N.B.: Questi posti li ho sempre trovati strapieni di gente, quindi, se non è possibile prenotare, avviatevi con un luuungo anticipo. Considerando che l’Italia la prossima la gioca contro la Germania, sarà tutto stracolmo di gente, quindi è ancora più consigliato il largo anticipo.

 

La cosa che mi ha fatto strano è stato vedere i figli di famiglie italiane immigrate e tanti altri giovani con bandiere e maglie dell’Italia che però tra di loro parlavano solo in tedesco. Mi sono chiesta cosa porti a sentirli così vicini ad un Paese che, volenti o nolenti, non me ne vogliano ma… non conoscono, e in cui non sono cresciuti e di cui non parlano neanche la lingua. E’ strano ma è bello.

La prossima partita la vedrò dall’Italia perchè nel weekend torno giù. “Devi stare solo tre mesi, che torni a fare a Napoli???”. Torno perchè era una protezione emotiva, un paracadute nel caso al girar di boa del primo mese mi fosse mancato tutto troppo (tutto = affetti). Torno perchè se fossi tornata a cose finite direttamente, probabilmente mi sarei solo voluta sparare. Torno perchè ho bisogno di fare un confronto a metà percorso con quella che è la realtà giù, sapendo che poi tornerò a Francoforte. Perchè da lontano troppe cose si idealizzano e altre si mortificano, e devo capire bene quali ho idealizzato troppo e quali ho mortificato troppo. Mi serve per confronto, con me stessa prima che con la Nazione.

Vi lascio con spezzoni di video sugli europei di calcio che ho girato in giro, buona visione.

 

 

Detto ciò: Forza Azzurri per la prossima!